PSICOLOGIA DELL'EMERGENZA


La Psicologia dell’emergenza studia il comportamento in situazioni di crisi

La Psicologia dell’emergenza è la disciplina che studia il comportamento individuale, gruppale e comunitario in situazioni di crisi, prima durante e dopo il loro manifestarsi.
La Psicologia dell’emergenza rappresenta un ampio insieme di contributi della psicologia (Psicologia clinica, Psicologia sociale, Psicologia della comunicazione, Psicologia ambientale, Psicologia dello sviluppo, Psicologia di comunità, Psicologia transculturale, ecc) e di altri domini di conoscenza (Medicina, Sociologia, ecc), finalizzato a comprendere i processi psicologici - psicofisiologici, cognitivi, emotivi, relazionali e comportamentali - attivati da situazioni emergenziali, nonché i loro esiti immediati e a lungo termine, che incidono sulle capacità di adattamento e sul benessere delle persone e delle loro comunità di appartenenza.

Con il termine emergenza ci si riferisce a eventi critici fortemente stressanti, improvvisi ed imprevisti, che mettono a repentaglio le routine quotidiane e le ordinarie capacità di coping degli individui e delle comunità di fronte ad avversità di ampia magnitudo. Alcuni esempi di situazioni emergenziali sono: calamità naturali, incidenti industriali, attacchi terroristici, epidemie, incidenti sul lavoro, aggressioni, ecc.

Come tutti i contesti di vita anche le comunità aziendali non sono indenni dalla possibilità di sperimentare eventi critici, che hanno le caratteristiche dell’urgenza e dell’emergenza. Se, tuttavia, alcune emergenze sono trasversali ai diversi contesti e quindi si riferiscono a eventi ‘straordinari’, che esulano dalla valutazione dei rischi psicosociali, vi sono al contrario altre emergenze che originano da rischi specifici, come per esempio quelle scaturite da rischi biologici, o dai cosiddetti ‘rischi criminosi’ (violenze e aggressioni), che negli ultimi anni hanno subìto un elevato incremento.

Gli interventi della Psicologia dell’emergenza sono rivolti:

  •  Alle persone direttamente coinvolte negli eventi critici (vittime primarie)
  •  Alle persone testimoni dell’evento (vittime secondarie)
  •  Ai soccorritori (vittime terziarie)
  •  Alla comunità
  •  Alla prevenzione dei rischi
  •  Alla programmazione e alla gestione dei soccorsi
  •  Alla formazione dei soccorritori

 

I nostri servizi sono:

  •  Selezione dei membri che compongono le squadre di emergenza aziendali (squadre antincendio e squadre di primo soccorso).
  •  Formazione delle squadre di emergenza aziendali e dei singoli lavoratori, al fine di sviluppare le abilità necessarie per far fronte a possibili eventi critici.
  •  Formazione delle squadre di emergenza aziendali e dei singoli lavoratori sulle Non Techinal Skills, al fine di promuovere performance sicure ed efficaci, quindi anche la prevenzione di eventi critici/emergenziali nei contesti organizzativi.
  •  Supporto psicologico alle vittime (primarie, secondarie e terziare) attraverso colloqui e tecniche di decompressione emotiva, rielaborazione dei vissuti, defusing e debriefing, al fine di limitare e contenere le sequele a medio e lungo termine di un evento critico, che potrebbero impattare negativamente sul benessere dei lavoratori e dell’intera comunità aziendale.
  •  Supervisione alle squadre di emergenza aziendali.
  •  Consulenza nella preparazione di piani di emergenza operativi, che includano le variabili psicosociali del contesto aziendale.
  •  Interventi di prevenzione su rischi specifici (aggressioni, violenza da terzi).

 

 contattaci per maggiori informazioni

Questo sito utilizza cookies. Per saperne di più: Privacy Policy

Utilizzando questo sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per revocare il consenso è sufficiente cancellare i cookies di dominio dal browser