Questo sito utilizza cookies. Per saperne di più: Privacy Policy

Utilizzando questo sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per revocare il consenso è sufficiente cancellare i cookies di dominio dal browser

Responsabilità sociale d'impresa e investimenti sostenibili

La decarbonizzazione dell’economia è uno degli impegni principali assunti gradualmente e progressivamente dalla comunità internazionale negli ultimi decenni.
In Italia, tale obiettivo è incluso nella Strategia Nazionale di Sviluppo Sostenibile, approvata dal CIPE il 22 dicembre 2017. Essa rappresenta il tentativo di implementazione dei principi e degli obiettivi di sviluppo sostenibile concordati nell’Agenda 2030 Onu.
A livello europeo, l’obiettivo è quello di ridurre del 43% le emissioni dei gas climalteranti.
L’accordo di Parigi si è posto l’obiettivo di ridurre completamente le emissioni di gas serra entro il 2100.
Le tappe intermedie propedeutiche al raggiungimento di tale importante traguardo prevedono la stabilizzazione delle emissioni entro il 2020 e la riduzione del 50% entro il 2050.
Il vicino 2020 rappresenta dunque l’anno di svolta. Dopo tale termine occorrerà invertire la curva di tendenza, pena la compromissione del raggiungimento degli obiettivi a lungo termine di Parigi.
Il documento Mission2020 illustra 6 step da compiere per raggiungere gli obiettivi dell’Agenda 2030. Tra questi, viene indicato il ruolo strategico e rilevante della finanza internazionale, la quale dovrà almeno deduplicare le emissioni di titoli green.
Ad oggi, sempre più investitori internazionali puntano su imprese avviate verso la sostenibilità ambientale, abbandonando al contempo quelle ancora troppo legate ai combustibili fossili.
Di conseguenza, la liquidità resa disponibile da tali disinvestimenti è pari a 5530 miliardi di dollari, secondo quanto riportato da Fossil Free.
In tale direzione si sono avviati investitori privati, associazioni no profit e investitori pubblici.
La Global Sustainable Investment Alliance ha registrato un incremento degli investimenti sostenibili del 25% dal 2014 al 2016 a livello mondiale. In Europa l’aumento è stato del 12%.
Dunque è sempre maggiore il denaro destinato a essere investito per le aziende quotate che hanno adottato un piano di sostenibilità.
Si deduce quindi l’importanza di promuovere la cultura della responsabilità sociale e ambientale d’impresa, non solo per adempiere agli obblighi normativi, ma anche per usufruire degli incentivi economici e attirare gli investimenti.
Inoltre, gli indici azionari mostrano come la svolta verso la finanza sostenibile abbia portato a migliorare le performance. Ad esempio l’Msci world relativo agli investimenti sostenibili ha riscontrato risultati migliori dal 2010 rispetto agli investimenti tradizionali che includono azioni sui combustibili fossili.

Scritta il 11/06/2018