Questo sito utilizza cookies. Per saperne di più: Privacy Policy

Utilizzando questo sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per revocare il consenso è sufficiente cancellare i cookies di dominio dal browser

Consulenza aziendale per il miglioramento dell'organizzazione

Organizzazioni evolute e smartworking

Nuove normative in campo di smart working Il 13 giugno 2017 è stata pubblicata in G.U. la Legge 81/2017, sul Jobs Act autonomi e sul Lavoro Agile, o smart working (Artt. 18-24). Tale normativa è nata per conciliare gli impegni personali e quelli lavorativi attraverso flessibilità oraria e differenti luoghi di lavoro che possono variare, ma devono essere preliminarmente concordati tra datore di lavoro e dipendente. Potenzialità e criticità a parte, sembra che quello che viene definito lavoro agile continui a diffondersi sia per grandi aziende che per PMI e questo è stato il tema centrale del terzo evento della serie A ciascuno il suo Smart working. Emanuele Lazzarin, General Manager di Rwa Consulting, afferma che il lavoro agile non vada seguito come una moda, ma come una leva fondamentale per ribaltare i livelli di felicità che, seguendo questa direzione, potrebbero essere concatenati ai livelli di successo.

Progettazione degli ambienti lavorativi                                  Le organizzazioni si sono evolute in maniera esponenziale nel corso dell’ultimo secolo e con loro anche gli ambienti fisici e gli uffici delle aziende che rispecchiano il clima organizzativo. L’ergonomia, il confort acustico, le fonti luminose, gli strumenti tecnologici e il microclima sono solo alcune delle variabili discusse durante il seminario e ritenute fondamentali per costruire un tipo di lavoro agile che sia efficiente ed efficacie per tutte le parti coinvolte.

Le PMI possono trarre beneficio come le grandi aziende                                                                               Durante l’evento sono state ascoltate testimonianze di PMI che, mettendo al primo posto la felicità dei dipendenti e il lavoro agile hanno implementato la propria attività. Il comune di Milano ha organizzato, in via sperimentale, la settimana del lavoro agile seguita da “dialoghi ispirazionali” per stimolare lo scambio di informazione e una formazione al lavoro agile per aumentare la consapevolezza delle varie aziende. Da qui si sono poi diramati diversi progetti più approfonditi e che si sono poi sviluppati in macro progetti; a fine dicembre, per esempio, terminerà il progetto cominciato a marzo 2018 da BASE Milano (organizzazione composta da 12 persone), e che prevede 3 giornate al mese di smartworking alle quali è riuscito a partecipare qualsiasi ruolo aziendale, anche coloro che sono legati maggiormente al loro spazio di lavoro a causa degli incarichi lavorativi. A distanza di più di un anno dall’entrata in vigore della legge 81/2017 non si possono ancora fare bilanci effettivi: esistono punti critici che lasciano in dubbio i più esperti e che si valuteranno sul lungo termine, però sia le grandi aziende che le PMI stanno sperimentando nuove metodologie di lavoro ispirandosi, appunto, al lavoro agile e alla felicità dei dipendenti, una via senza dubbio intrisa di speranza per una migliore gestione del lavoro.

Scritta il 18/10/2018